WORLD CHAMPIONSHIP ICF

World Championship 2018, sono passati ormai 10 giorni da quando è partita questa avventura, e in realtà 4 mesi da quando abbiamo iniziato questo percorso.

Silvia, Un ottimo allenamento”. Questa è stata l’affermazione che quasi subito è uscita nelle nostre prime chiacchierate. Si, perché andare ai mondiali sapendolo qualche mese prima, senza averlo messo in conto, è un gusto un pelino sorprendente. Sapendo che le condizioni non sono favorevoli, per allenamento, per preparazione e per esperienza.

Hai iniziato a fare canicross “l’altro ieri” e domani inizi la preparare il percorso che dovrebbe portarti al secondo mondiale che si terrà nel 2019. Le tappe non sono semplici: gare selettive, campionati italiani e gare divertenti per rigenerarsi. La difficoltà sarà quella di arrivare “in canna” ad ottobre del 2019, ma essere preparata per tutto l’anno. Già perché se non ti qualifichi, è inutile essere pronti ad ottobre ed andare a correre il palio del paese. Oh, ci si diverte comunque, ma non è proprio la stessa cosa, e nonostante tutto si affronta la gara allo stesso modo: “ciò che ci rende felici, è il viaggio”.

L’importante è divertirsi e quando ci si diverte si corre anche meglio, ma bisogna prepararsi.

Prepararsi vuole dire andare incontro a noiose tabelle, esercizi e orari assurdi.

Prepararsi, sapendo che il GAP da colmare non è poco.

Prepararsi sapendo che bisogna dare il meglio nonostante il GAP che c’è con il resto degli atleti.

Forse, prepararsi, vuole anche dire affrontare questo GAP con impressa nella mente la citazione di un grande campione: “per quel che puoi tu”. (Alex Zanardi).

Bene. Ora avete un anno. Abbiamo un anno.

Avete, perché già voi correte in due. Chissà cosa vuol dire correre a sei zampe. L’ho provato, ma per troppo poco tempo, quindi aspettati una bella intervista…

 

E quindi.. ROAD TO WORLD CHAMPIONSHIP 2019ICF

 

STAY TUNED!

Lascia un commento