Emozioni in Corsa…

Emozioni in Corsa…

Le “Emozioni in Corsa” si provano, ci prendono e, in questo caso, si raccontano.

Sui social vediamo un numero considerevole di post che riguardano la corsa, spesso raccontano la prestazione, talvolta riguardano il paesaggio e non raramente il protagonista racconta quanto ha vissuto, indipendentemente dal fatto che sia stata una campestre, una maratona o una skymarathon.
Indipendentemente dai casi citati sarà possibile scorgere sulla bacheca dei social di questi sportivi una domanda a cui segue una NON risposta che, secondo me, riassume il ‘credo’ di molti runner:


Perché Corri?

Perché NON Farlo?

Non c’è cosa più odiosa di rispondere ad una domanda con un’altra domanda. Effettivamente, se uno sta ponendo una domanda è perché, spesso, non riesce minimamente ad immaginarsi un’idea, o forse è talmente curioso di sapere il motivo che non si aspetta di certo una tale risposta.

E allora perché questa risposta?

Quando un Runner si trova a dover rispondere a tale domanda fa davvero fatica ad esternare ciò che si può provare durante una corsa, durante una gara o una sfida, che sia con sé stessi o con altri competitors. È altrettanto difficile spiegare il binomio benessere-fatica: per stare bene è necessario fare fatica. Punto. Succede spesso, però, che chi pone la fatidica domanda, non riconosce e non condivide questo concetto ed il runner che si trova davanti a lui lo percepisce e ne rimane, forse, spiazzato.

Il concetto “dopo aver corso un’oretta alle sei di mattina la mia giornata lavorativa è migliore” viene proprio denigrata dai NON-Runner, figuriamoci se andiamo a dirgli che ci alziamo anche alle 4 per un allenamento speciale.

E se andassimo un po’ più in profondità?

Emozioni.. Emozioni in Corsa..

Cosa vorrà dire? Come trasmetterle? come farle comprendere?
tempo fa ho scritto un articolo, “Emozioni, tu chiamale se vuoi Emozioni”, in cui provavo a descrivere il viaggio. Non è una canzone, sono molto stonato, e non mi permetterei mai di rovinare un capolavoro di Battisti.
Il Viaggio intrapreso in un fine settimana ricco di gare, è iniziato molto prima di quei due giorni e mi ha accompagnato fin dopo. La corsa ti resta dentro. che sia lunga, corta e veloce o biblica.
Emozioni, nel bene e nel male, perché a volte si ritorna incazzati come bisce perchè qualcosa va storto, forse la testa, forse le gambe e talvolta il Cuore.

Fatto sta, che dopo aver pubblicato questo articolo, con questo titolo ho trovato altri 6 post che riportavano lo stesso titolo e raccontavano quanto provato.

Qui mi trovavo con uno sloveno che poco prima mi ha scattato la foto. Esempio semplice e bello di condivisione di “Emozioni in Corsa”

E allora “Perché NON Farlo”, non è più una presa in giro, una NON Risposta, ma semplicemente la difficoltà a concentrare in pochi secondi qualcosa di grande, qualcosa di profondo, qualcosa che è immensamente bello provare, ma immensamente difficile da raccontare in pochi secondi..

Se avete pazienza, però, provate a farvelo raccontare durante una corsetta.

Maurizio S.

Natura, in viaggio per scoprirne Regole e Limiti

Natura, in viaggio per scoprirne Regole e Limiti, mi fa riflettere e mi ricorda un’affermazione che ho letto su un sito:

“Il viaggio, soprattutto in natura, è scoperta, novità, visione inaspettata. E’ anche l’imprevisto che ci costringe a condividere il tetto di un alpeggio con lo sherpa o la yurta con un pastore kirghiso. Sono i momenti di un‘esperienza vera e intensa a contatto con il mondo che ricompensano alla fine della fatica e del disagio. Perché “Into the wild” non è solo il titolo di un bellissimo film, ma è una vera e propria filosofia di vita”

Manuel Lugli

 

Into The Wild, come nel film, ma nella realtà!

Ultimamente ho avuto la possibilità di confrontarmi su un social network circa l’argomento “Natura”.

Ci sono state due occasioni che hanno risollevato questo tema: l’uccisione dell’orsa Kj2 in Trentino (puoi leggere quanto successo QUI), avvenuta il 14 agosto 2017, e il cinguettio di Kílian Jornet i Burgada (scialpinista e fondista di corsa in montagna spagnolo, specializzato nell’ultratrail) sull’obbligo di materiale specifico per salire sulle vette.

Quanto successo nelle ultime settimane mi fa pensare a cosa si può osservare a monte degli eventi tragici che si possono sentire e vedere ormai ovunque (e qui si potrebbe aprire un altro capitolo). Paura e consapevolezza, a mio avviso non sono passati di moda, ma è la necessità che “tutti possano permettersi tutto” a farla da padrone.

Alcuni alpinisti o trailrunner hanno espresso la propria opinione rispondendo ad un Mio Post, l’hanno condivisa serenamente, pertanto ho potuto estrapolare questo pensiero:

“Credo che alla fine di tutto ciò si possa dire che la gente dovrebbe prendere più consapevolezza di quello che fa e, siccome non tutti sono in grado, le regole (forse) possono aiutare, anche se questo può sembrare un ulteriore strumento per rinchiudere le persone. Di certo il gesto di K.J.B., sicuramente una provocazione forte, può, da un lato, ricordare che È NECESSARIO SAPER USARE I MATERIALI IN DOTAZIONE, ma soprattutto sapere andare in montagna, dall’altro potrebbe risultare un’icona infelice da emulare.

Credo che le provocazioni siano proprio questo. Credo che stia a Noi scegliere cosa fare e, forse, farlo anche grazie a questa discussione che magari potrebbe essere fatta leggere a chi in montagna ci va una volta l’anno (come qualcuno ha citato)”

Mi piacerebbe mettere l’accento sulle prime tre righe, e ancor più sul pezzo in cui ritengo che le persone assumano la consapevolezza di ciò che fanno.

Nel post, come anche nelle righe sopra, ponevo il problema di non accettare più i limiti, di potersi permettere tutto, a tutti i costi. E, purtroppo, a volte il costo più caro è la propria vita.

Ma che differenza c’è tra la morte in parete di un alpinista esperto e quella in un crepaccio di un turista in espadrillas?

Beh, Sorella Morte, non vede nessuna differenza. Noi possiamo proprio osservare che la differenza sta nella consapevolezza.

Il primo è consapevole che può succedergli qualcosa, forse ha anche paura, ma fa di tutto per riuscire in ciò che si è prefissato di fare.

Il secondo, è in balia degli eventi. Non vede ad un palmo di naso e, probabilmente vuole annoverarsi il titolo di essere stato in quel luogo e basta.

Trasmettere questa consapevolezza a chi viene dopo di noi o viene con noi è fondamentale.

Purtroppo il concetto di ‘limite’ è un po’ dismesso dalla società di oggi, ma è fondamentale sia nell’educazione dei nostri figli che di tutti i fruitori di madre terra.

Mauro Corona e Reinhold Messner hanno espresso due pareri perfettamente contrari rispetto a quanto successo alla povera Kj2. Non credo sia importante decidere chi dei due abbia ragione o meno anche se non vi nascondo che io sto con Corona: ho corso diversi giorni in quelle zone, mettendo in atto una serie di accortezze per non trovarmi faccia a faccia con il plantigrado anche se, così facendo, sapevo che non avrei potuto ammirare nemmeno un capriolo, ma credo sia importante capire che effettivamente le zone antropizzate sono ormai troppe. Il problema dove sta? Forse proprio in quest’ultima affermazione.

Non ho di certo una soluzione, ma per certi versi mi vien da dire che, se metto in moto delle strategie per rispettare la natura, questa fa il suo corso e l’orsetto torna da solo, e non serve riportarcelo per poi abbatterlo.

MA, e c’è sempre un MA. Devo accettare cosa vuol dire rispettare la natura. L’orsetto non posso accarezzarlo. Punto. Quindi non sarà una scusa per attirare più turisti, perché altrimenti metto in moto un doppio gioco mortale, perché prima o poi o il bipede o il quadrupede compirà l’ultimo viaggio.

Rispettare la natura, vuole anche dire accettare come lei si gestisce e quali sono le conseguenze.

Giusto per comprenderne il significato, guardatevi questo video.

 

 

 

 

Due vicende lontane, forse, ma che ci ricordano e ci mettono dinnanzi ai nostri Limiti.

La natura ha le sue regole.

Ci impone dei limiti.

Noi siamo parte della natura. Non dobbiamo tornare cavernicoli, ma possiamo continuare a rispettarla e ad accettare i suoi paletti ed i nostri limiti.

 

Maurizio S.

Emozioni in Corsa…

Iniziare a Correre e Continuare..

Iniziare a correre, ma soprattutto continuare, non è facile.

attraverso la corsa è possibile raggiungere un equilibrio fisico-emotivo-mentale, ma questo processo risulta efficace se supportato e facilitato dalla presenza di un Accompagnatore, un motivatore per la mente e un ‘allenatore’ per il corpo.

Il mio ruolo sarà quello di accompagnarti un passo dopo l’altro per raggiungere l’obiettivo di Star Bene, evitando, anche, inutili infortuni dovuti ad un’attività svolta non correttamente.

 

  • Se vuoi un percorso personalizzato ed esclusivo non esitare a CONTATTARMI per costruire un pacchetto “Ad Hoc”, oppure prova a visionare i percorsi proposti QUI.

 

  • Se pensi di UNIRTI al GRUPPO: RUNNING SCHOOL
    • PERCORSO START: per chi inizia correre.
    • PERCORSO GOO: per chi vuole un ritmo più sostenuto e migliorare la tecnica.

(Clicca sulla locandina per accedere all’Evento)

 

  • Se invece vuoi provare l’ebrezza della Corsa in NaturaTRAIL RUNNING SCHOOL:

(Clicca sulla locandina per accedere all’Evento)

 

 

Sicurezza nel Trailrunning, può essere troppa?

Sicurezza nel trailrunning; la prima non è mai troppa.

Spesso ci avventuriamo in solitaria su percorsi sconosciuti o poco frequentati. Utilizzando una frase del grande Bruno Detassis, il quale affermava che “L’alpinista più bravo è quello che può raccontare quello che ha fatto”, posso dire che siamo responsabili e abbiamo il Dovere di fare il possibile per tornare a casa.
Nel leggere queste parole i maschietti porteranno dolcemente la loro mano dove non batte il sole in segno di scaramanzia e le femminucce, non lo so.
Di fatto, però, mi viene da chiedervi: siete sicuri di fare il possibile?
siete sicuri, siccome fino ad oggi non è successo nulla, di avere utilizzato tutto ciò che si può mettere in campo? avete valutato le situazioni in cui incappate e avete considerato e approfondito strumenti e abilità necessarie?
io che viaggio spesso da solo, me lo sono chiesto e, grazie anche ad un particolare in stile Trail (S1 Trail – La Corsa della Bora – ASD Sentierouno, ipertrail) ho deciso di investire in questa sicurezza e oltre a:
conoscenza materiale;
competenza topografica;
conoscenza approfondita dello strumento GPS da polso;
competenza di primo soccorso;
competenza meteorologica e tanto altro, mi sono attrezzato ulteriormente.
Certo l’obiettivo è quello di non doverlo utilizzare, ma se dovesse succedere i soccorsi e parenti e amici qualificati sanno dove recuperarmi:

QUI

Trail Running, la Corsa in Natura

Trail Running, la Corsa in Natura

Il Trail Running, o la Corsa in Natura, è uno stile molto diverso di intraprendere la ‘corsa’, rispetto a quello che intraprendiamo quando corriamo sull’asfalto o tra le mura delle nostre città. Se in quest’ultima condizione siamo soliti a confrontarci con tempo, ritmo, velocità e resistenza, quando andiamo per strade sterrate, sentieri e, a volte solo piccole ‘tracce’, tutto questo perde di significato.

15219646_10209636666785135_6178954200690631051_n

La corsa si alterna alla camminata nei tratti più impervi, ripidi o particolarmente tecnici, il piede non trova un appoggio sicuro e lineare, ma ad ogni passo è un gesto alla ricerca di un equilibrio nuovo, muovendosi e adattandosi alla morfologia del terreno.

Ed in ultimo, ma non per importanza, gli alberi, il bosco e la natura stessa si insinuano nel nostro corpo e nella nostra mente trasmettendoci un rallentamento del ritmo, accompagnato dal ‘silenzio’ della natura che, ricco di suoni melodiosi, contribuisce al benessere mentale.

E forse, è proprio per questo che un Trail Runner abbandona il concetto di tempo, di ritmo e insegue quello di FINISHER.