MT2 Topo Athletic, leggere, durature e difetti da trovare

MT2 Topo Athletic, leggere, durature e difetti da trovare

MT2 Topo Athletic, leggere, durature e ci sono ancora un po’ di difetti da scovare

Da qualche anno possiamo vedere on line ed ai piedi di alcuni Runners delle scarpe ‘strane’ e accattivanti: Topo Athletic.

Uno dei modelli che questo marchio ha presentato in Italia e che ho potuto sperimentare è il modello MT2.

Topo Athletic è nato dalla mano di Tony Post, ex direttore esecutivo di Vibram, e proprio dal suo nome deriva il marchio di queste scarpe: TOPO (TOny POst). La filosofia applicata alle calzature prevede una corsa vicina al Natural Running con scarpe adatte alla transizione.

Sia su Asfalto che in modalità Trail Running, le Topoathletic permettono ai runner di ottenere un’impronta quanto più naturale possibile e di evitare qualsiasi tipo di correzione, come il controllo della pronazione. Topo Athletic MT2 ha una forma abbastanza ampia e ha solo un differenziale di 3 mm.

Topoatheltic si affaccia su un mercato specifico, con l’intento di accompagnare i runner nel loro percorso per migliorare la tecnica di corsa. Un’evoluzione continua, che, probabilmente, obbligherà il marchio a continue sperimentazioni.

 

Primi Chilometri..

Prima di infilare le scarpe ai piedi, le ho osservate e girate tra le mani e posso raccontarvi l’impressione iniziale che ho avuto osservando queste scarpe da vicino: risultano immediatamente robuste e forti, ma al tempo stesso leggere. Infatti, le scarpe pesano solo 252 g, rispetto allo standard possiamo definirlo molto basso per questo numero, cosa li rende in scarpe di più leggero che possiamo trovare sul mercato. Testando la flessibilità con le mani ho potuto scoprire scoprire e testare una scarpa flessibile e confortevole che seguirà perfettamente i movimenti del piede anche dopo innumerevoli chilometri.

Quest’ultima potesi andrà ulteriormente verificata.

La forma che queste scarpe presentano è classica del mondo Natural Running, e prevede una pianta larga nella parte anteriore della scarpa, dando la possibilità al piede ed alle dita di seguire il naturale movimento soprattutto durante la fase di atterraggio, quando il piede si ‘spalma’ su tutta la sua superficie per distribuire i movimenti ed il peso corporeo.

Già dai primi passi e dalle prime corse posso godere con stupore del comfort che si nota nella zona metatarsale. Penso che sia fondamentale, però, vedere quanto mantengano queste prestazioni dopo decine di chilometri e su terreni sconnessi e tecnici.

Intersuola

L’intersuola delle Topo Athletic MT2 presenta un’altezza di 23 mm nella zona del tallone e 20 mm nell’area dell’avanpiede, rendendo il differenziale di soli 3 mm, una differenza che si avvicina molto alla filosofia minimalista con il tentativo di ottenere un’impronta naturale.

Ricordo che tale differenziale influenza necessariamente la tecnica di corsa portando il runner ad impegnare maggiormente l’avanpiede piuttosto che il tallone e che invita ad una postura in corsa più eretta ed un passo più efficiente.

La parte superiore è costruita con un tessuto abbastanza sottile, ha una certa elasticità ed è molto traspirante. Le protezioni della punta oltre a proteggerci da colpi accidentali con pietre, rocce e sporgenze che possiamo trovare lungo il tracciato, danno forma al tessuto della parte superiore insieme a sezioni termoindurenti che troviamo in diversi punti della scarpa. La funzione di questi termoindurenti è quella di fornire una migliore presa e solidità e allo stesso tempo proteggere i nostri piedi.

Chiusura e Parte superiore

La chiusura presenta qualche difficoltà a trovare la pressione ‘perfetta’, ma una volta trovata, potrete essere certi del loro mantenimento anche dopo notevoli chilometri sui terreni più accidentati.

L’area del tallone ha una struttura semirigida che esercita un sostegno significativo e adeguato in tutta la zona aumentando la presa e fornendo un sicuro appoggio nelle discese più esigenti.

La linguetta è cucita sui lati per impedire che piccole pietre o pezzi di cespugli entrino mentre corriamo. Posso confermarlo in quanto durante tutte le uscite non ho mai avuto problemi di questo genere. Potrebbe essere utile migliorare il sistema di bloccaggio delle stringhe, in quanto quello esistente (un anello che si trova a metà linguetta) risulta stretto scomodo, anche se abbastanza efficiente.

Come abbiamo già detto, Topo Athletic sposa una filosofia minimalista nello sviluppo della sua calzatura, quindi non troviamo alcun sistema di pronazione, controllo di stabilità o sistema di protezione del piede applicato alle MT2. Sono certo che non ve ne sia bisogno, perché diminuirebbe la buona adattabilità al terreno ed aumenterebbe notevolmente il peso. In questo modo il contatto è più diretto, migliora il modo di eseguire la tecnica e ci dà più fiducia nel calcolare dove stiamo andando a passo poiché scegliamo il miglior punto di sostegno.

Finiture

Le finiture della Topo Athletic MT2 sono di alta qualità. Tutti i termosaldati sono perfettamente aderenti al tessuto e difficilmente si trovano cuciture che possono causare fastidiosi sfregamenti.

Le protezioni delle dita hanno la necessaria rigidità che ci protegge le punte delle dita: più volte ho avuto un incontro ravvicinato con pietre piuttosto grosse durante le discese a tutta velocità su sentieri tecnici. Le protezioni del tallone sono più che sufficienti e la sua struttura semi rigida protegge dagli impatti e fornisce un buon supporto.

Le MT2 sono costruite con un tessuto molto traspirante che consentono di essere utilizzate anche in giornate molto calde evitando la sudorazione eccessiva.

Le scarpe non presentano nessuna protezione rispetto all’impermeabilizzazione, quindi, le MT2 lasciano che l’acqua entri facilmente su terreni bagnati o durante le giornate di pioggia. La termoregolazione del piede, però permetterà al piede di non soffrire particolarmente il freddo.

 

Suola

La suola delle MT2 funziona bene. Il disegno è pensato con grande ingegnosità: i tacchetti della zona anteriore sono abbastanza prominenti e sono disposti in modo da favorire l’avanzamento. Sul tallone, invece, troviamo un disegno che può essere utile in discesa, gestendo il rallentamento e una buona tenuta.

Una suola, quindi, che permette un grip multidirezionale su diverse tipologie di terreno. Ma la progettazione della suola delle MT2 permette una buona flessione grazie alle linee trasversali in tutta l’area frontale. Questo permette che la flessione avvenga facilmente, senza forzare troppo. Troviamo anche linee longitudinali che favoriscono l’adattabilità al terreno in modo da non perdere trazione o presa. Un disegno che, su sentieri bagnati e tecnici hanno funzionato alla grande.
Su terreni che presentano sporcizia, erba e fango, la trazione e la presa sono stati molto buoni. In condizioni di pioggia, il fango tende ad accumularsi sotto la suola, ma la dispersione è relativamente rapida, permettendo di non accentuare troppo l’accumulo mantenendo leggerezza e una corsa confortevole.

Durata

Ho corso poco più di 200 km con le MT2, su strada o sentiero, terreno tecnico o pavimentato. Praticamente in tutte le condizioni possibili hanno saputo mantenere un buon confort e precisione.

L’usura della suola sembra buona. E’ chiaro che tale parametro è molto soggettivo: dipende dalla tecnica, dalla leggerezza della corsa e dalla tipologia dei terreni, ma, riparametrato alle scarpe che ho indossato negli ultimi 4 anni, posso dire che è nella media.

Se ti attira il mondo della corsa naturale, del minimalismo o semplicemente vuoi approfondire la tecnica di corsa, dovrai prestare particolare attenzione al Topo Athletic MT2.
Perché?
Perché possono essere una risposta alle tue esigenze.
semplici, robuste, leggere e ottime per godere di una corsa più naturale.

La sua forma larga facilita un atterraggio più naturale, i suoi bassi profili e il differenziale di soli 3 mm permettono un contatto più diretto con il suolo e il nostro passo adotta una posizione più naturale ed efficace. E’ necessario accompagnare con una buona tecnica e un lavoro funzionale.

 

pro:

– molto leggero;

– ampia scoperta che consente la libertà di movimento;

– buon sostegno;

– buona traspirazione;

– buona presa a secco;

– buona flessibilità.

 

Contro:

– non è semplice trovare la giusta regolazione delle stringhe;

– voglio/devo ancora trovarne altri.

 

Maurizio S.

 

Se hai domande..

[contact-form-7 404 "Not Found"]
MT2 Topo Athletic, leggere, durature e difetti da trovare

STOP, quando ti fermi ti stai allenando.

STOP, quando ti fermi ti stai allenando, sembra una presa in giro, ma non è così.

Relax, forzato o voluto: tanti Benefici. Clicca sull’immagine per scoprire un altro caso di STOP

Stiamo parlando di un Stop che sopraggiunge alla fine di un lungo periodo di allenamento. E’ così utile inserire un periodo di recupero? quanto ci influenza questo periodo? qual’è il periodo migliore e quanto deve essere lungo?

Una scelta che dovrebbe essere pensata, programmata e studiata, ma talvolta è forzata. Indipendentemente dalla forza interna o esterna che governa questa pausa, proviamo a scavare e rispondere alla domande poste.

E’ così utile inserire un periodo di recupero?

“SI”, è vivamente consigliato, ma potrebbe essere utile capire cosa succede.

E’ importante, ai fini dell’analisi, definire il tipo di di allenamento in questione.

Stiamo parlando di un allenamento particolarmente lungo, in cui il nostro organismo si modifica e, si spera, si evolve: diventiamo più resistenti e più, ma anche più determinati e resilienti. Uno di questi casi è la stagione sportiva.
Questo cambiamento, però, è solo una delle due facce della medaglia. Infatti, ad un allenamento lungo  consegue anche, inevitabilmente, una serie di particolarità non proprio positive per il nostro corpo e la nostra mente.

Difficilmente consideriamo che mantenere e seguire le regole che l’allenamento impone, gli orari decisi e precisi dedicati all’allenamento, il tempo e la qualità dedicata al cibo e al sonno, fa si che la nostra testa lavori incessantemente e alla fine di una stagione intera ha tutto il diritto di raggiungere quello che potremmo definire un affaticamento psicologico.

Abbiamo, inoltre, in seguito al dispendioso consumo di energie un abbassamento delle scorte di Ferro, Magnesio, ma anche di Glucosio e Glicogeno, soprattutto se ci stiamo allenando per le discipline di endurance.

Eccoci qui, scritto tutto questo, pur non entrando nello specifico è abbastanza evidente che uno stop sia più che meritato, se non necessario per poter riprendere a pieno regime la stagione con nuovi obiettivi più o meno ambiziosi.

La conquista della P.ta Almana

Quanto ci influenza questo periodo?

Provando a rispondere alla seconda domanda mi viene subito da pensare, osservando l’esperienza dei miei atleti che, come tante altre caratteristiche, il riposo venga considerato con criteri molto personali. se però cerchiamo di definire e dare un significato comune di STOP, che si intende proprio “FERMATI E NON TI MUOVERE”, posso osservare come tale periodo sia vissuto come momento gratificante ed atteso in quegli atleti di un certo livello che, stimolati dagli obiettivi e dai piazzamenti raggiunti, mentre è vissuto come periodo i cui avverrà un calo drastico delle prestazioni e che, quindi viene vissuto con ansia.
Non è così anzi, è l’esatto contrario.

Qual’è il periodo migliore e quanto deve essere lungo?

Se pensiamo alla stagione intera in cui abbiamo sforzato per raggiungere determinati obiettivi, abbiamo preparato con assiduità una competizione in cui il nostro sforzo è stato significativo potremmo ipotizzare che possa essere considerato un tempo tra gli 8 e i 20 giorni ed è, come già detto nell’articolo, il momento di transizione tra una stagione e l’altra, o tra un macro obiettivo e l’altro.

E’ un momento allenante e vale la pena sfruttarla per far si che sia fruttuosa. dedicarsi a sé stessi, sia fisicamente che mentalmente, rilassarsi, scaricare la tensione muscolare e mentale attraverso esercizi o momenti di relax.

 

Buon riposo, quindi..

 

.. anzi buon allenamento, indipendentemente dallo sforzo!

 

Maurizio S.

MT2 Topo Athletic, leggere, durature e difetti da trovare

Emozioni in Corsa…

Le “Emozioni in Corsa” si provano, ci prendono e, in questo caso, si raccontano.

Sui social vediamo un numero considerevole di post che riguardano la corsa, spesso raccontano la prestazione, talvolta riguardano il paesaggio e non raramente il protagonista racconta quanto ha vissuto, indipendentemente dal fatto che sia stata una campestre, una maratona o una skymarathon.
Indipendentemente dai casi citati sarà possibile scorgere sulla bacheca dei social di questi sportivi una domanda a cui segue una NON risposta che, secondo me, riassume il ‘credo’ di molti runner:


Perché Corri?

Perché NON Farlo?

Non c’è cosa più odiosa di rispondere ad una domanda con un’altra domanda. Effettivamente, se uno sta ponendo una domanda è perché, spesso, non riesce minimamente ad immaginarsi un’idea, o forse è talmente curioso di sapere il motivo che non si aspetta di certo una tale risposta.

E allora perché questa risposta?

Quando un Runner si trova a dover rispondere a tale domanda fa davvero fatica ad esternare ciò che si può provare durante una corsa, durante una gara o una sfida, che sia con sé stessi o con altri competitors. È altrettanto difficile spiegare il binomio benessere-fatica: per stare bene è necessario fare fatica. Punto. Succede spesso, però, che chi pone la fatidica domanda, non riconosce e non condivide questo concetto ed il runner che si trova davanti a lui lo percepisce e ne rimane, forse, spiazzato.

Il concetto “dopo aver corso un’oretta alle sei di mattina la mia giornata lavorativa è migliore” viene proprio denigrata dai NON-Runner, figuriamoci se andiamo a dirgli che ci alziamo anche alle 4 per un allenamento speciale.

E se andassimo un po’ più in profondità?

Emozioni.. Emozioni in Corsa..

Cosa vorrà dire? Come trasmetterle? come farle comprendere?
tempo fa ho scritto un articolo, “Emozioni, tu chiamale se vuoi Emozioni”, in cui provavo a descrivere il viaggio. Non è una canzone, sono molto stonato, e non mi permetterei mai di rovinare un capolavoro di Battisti.
Il Viaggio intrapreso in un fine settimana ricco di gare, è iniziato molto prima di quei due giorni e mi ha accompagnato fin dopo. La corsa ti resta dentro. che sia lunga, corta e veloce o biblica.
Emozioni, nel bene e nel male, perché a volte si ritorna incazzati come bisce perchè qualcosa va storto, forse la testa, forse le gambe e talvolta il Cuore.

Fatto sta, che dopo aver pubblicato questo articolo, con questo titolo ho trovato altri 6 post che riportavano lo stesso titolo e raccontavano quanto provato.

Qui mi trovavo con uno sloveno che poco prima mi ha scattato la foto. Esempio semplice e bello di condivisione di “Emozioni in Corsa”

E allora “Perché NON Farlo”, non è più una presa in giro, una NON Risposta, ma semplicemente la difficoltà a concentrare in pochi secondi qualcosa di grande, qualcosa di profondo, qualcosa che è immensamente bello provare, ma immensamente difficile da raccontare in pochi secondi..

Se avete pazienza, però, provate a farvelo raccontare durante una corsetta.

Maurizio S.

MT2 Topo Athletic, leggere, durature e difetti da trovare

C.F.T. Campo dei Fiori Trail: un meraviglioso allenamento!

C.F.T. non è Campo dei Fiori Trail, ma Che Fottutissimo Tracciato.

Questo, secondo me, il vero significato della sigla che rappresenta questo Trail meraviglioso.

Si, decisamente M E R A V I G L I O S O.

La presa di coscienza di questo splendido tracciato comincia durante la progettazione dell’oretta di intrattenimento e svago che quelli di Animatrail hanno pensato per i ragazzini che parteciperanno al minitrail. Luca mi ha chiesto di suggerigli qualche gioco per impegnare i piccoli atleti e come un fulmine a ciel sereno mi viene l’illuminazione: “la corsa dei cavalli”!
Ovviamente la corsa dei cavalli non c’entra niente, ma è il gioco di partenza che mi regala l’ispirazione. Per chi non ha mai sperimentato questo gioco, non è altro che un BANS che si fa in cerchio: si simula la corsa del cavallo tamburellando sulle cosce e, durante il tracciato, si incontrano varie postazioni, come la curva dei fotografi, la curva dei nobili, la curva dei truzzi etc.. e per ogni curva si mima qualcosa ad hoc.

Bhe, e perché non fare la stessa cosa con il “Campo dei Fiori Trail”? ecco cosa è uscito, ho aggiunto una terza voce, per raccontare quanto ho realmente incontrato e vissuto in quella meravigliosa giornata.

Legenda:

  • Situazione: descrizione tratta dal sito di Campo dei Fiori Trail.
  • Azione: simulazione da far fare ai piccoli atleti
  • Realtà: quello che io ho vissuto.

Ed ecco a voi la breve, felice e massacrante storia:

  • Situazione: PARTENZA DALLE SPONDE DEL LAGO DI VARESE, LIDO DI GAVIRATE.
  • Azione: salutiamo il lago e la folla in delirio alla partenza della gara
  • Realtà: beh, la folla non era numerosissima, ma era un delirio, noi eravamo poco meno di 200, più l’organizzazione con stand, musica adrenalinica e clima esageratamente fico:
    Una partenza con i fiocchi!

  • Situazione: PRONTI VIA E SUBITO 4KM DI SALITA PER RAGGIUNGERE IL SENTIERO 10.
  • Azione: Da subito la salita è faticosa quindi cominci ad arrancare e con le mani sulle ginocchia simuli la salita.
  • Realtà: i primi quattro chilometri li corro in scioltezza e si va a buon ritmo, forse troppo aggiungrei con il senno di poi, ma sto bene e seguo il gruppetto. Arrivato alla prima salita non seguo il consiglio delle mani sulle ginocchia, infatti, ad aiutarmi ci sono i miei fidati bastoncini. In salita mi sento a mio agio, ma non voglio forzare, anche perché ha una pendenza interessante, pur senza esagerare.

 

  • Situazione: DA QUI, IN 5 KM DI FALSO PIANO OTTIMI PER CARBURARE, RAGGIUNGIAMO L’ABITATO DI VELATE, DA DOVE INCOMINCIA LA SERIE INTERMINABILE DI ASCESE E DISCESE SECCHE DI QUESTA ULTRA DISTANZA…
  • Azione: Falli correre sul posto alzando bene le ginocchia
  • Realtà: ecco, la frase “la serie interminabile di ascese e discese ” non si comprende realmente finché non la si sperimenta sul campo… mannaggia a quelle, meravigliosamente tecniche, discese!
    Comunque, è ciò che rende spettacolare e impegnativa questa competizione. Aggiungo che incontrare Macchi, che sta rientrando, stringergli la mano, fargli i complimenti ed ascoltare i suoi incitamenti a proseguire con vigore dando spiegazioni dei prossimi chilometri, è stato figo!

  • Situazione: PRIMA VETTA DA CONQUISTARE IL CAMPO DI FIORI, LO SI RAGGIUNGE ATTRAVERSO IL MONTE SAN FRANCESCO CHE, NELL’ULTIMO TRATTO LASCIA IL POSTO AI SEVERI GRADINI DELLA VECCHIA FUNICOLARE, UNA VOLTA RAGGIUNTA LA STAZIONE
  • Azione: Ci sono dei gradini???? Miseria! Beh come non divertirsi simulando la salita ai gradini ed infine una volta in cima al “Campo dei Fiori”, non vuoi fermarti a raccogliere e odorare fiori per un bel po’
  • Realtà: GRADINI, CI SONO DEI GRADINI: perché non me li ricordavo?? Il pezzo forte è stato il suggerimento del volontario all’inizio della lunga scalinata: “prendetela con il vostro passo, che altrimenti vi uccide”. Ecco, ora si potrebbe aprire un capitolo sull’affermazione “vostro passo”, ma credo che, nonostante ci possano essere diverse controversie su tale dicitura, tutti i runner comprendano cosa significhi e quindi come agire..

    MA, e c’è spesso un MA, nel medesimo istante incui senti questa affermazione e stai guardando un qualcosa di verticale e particolarmente sconnesso che sale in alto, ma molto in alto, il tuo cervello pensa “si certo, e con cosa credi che lo salga, con quello di Macchi?? ma soprattutto dove lo trovo il  mio passo per salire sta roba” insieme ad una serie di imprecazioni in diverse lingue della terra.
    Comunque, superata anche questa salita.

 

  • Situazione: LA 65K SCENDE VERSO SUD/EST DIREZIONE VALGANNA, CON UNA DISCESA VELOCE SUL TERRITORIO DELLE VECCHIE MINIERE ABBANDONATE!!!
  • Azione: Beh in discesa si sta piegati in avanti e si corre alzando i talloni verso il culo (sarà uno sballo cadranno tutti hahahahhah)
  • Realtà: mumble mumble, discesa veloce… forse devo ritornarci per cercarla meglio, perché io veloce non sono riuscito ad andarci…
  • Situazione: IN BREVE TEMPO RAGGIUNGIAMO IL FONDO VALLE PRONTI PER UNA SERIE DI SALISCENDI CHE IN 13 KM CI FANNO ACCUMULARE 1100 mt D+
  • Azione:-Raggiungi la cappella: vi fermate e dite una preghiera 😀
    -punto panoramico del San Bernardo, osservate come se foste degli avventurieri con le mani sulla fronte per osservare meglio in lontananza
    -sul monte minisfreddo, tutti hanno freddo, quindi giù lo zaino e ci si copre!
    -di nuovo punto panoramico
    -dicesa ripida, come prima!
    -nel bosco non puoi non fermarti ad ascoltare gli uccellini
    -salita leggera, quindi corsa sul posto leggera ma con fiatone
  • Realtà: tutto come da programma, preghiere comprese!

  • Situazione: PER POI SCENDERE FINO ALL’ABITATO DI BRINZIO, 51 KM PERCORSI E 3° RISTORO SOLIDI. FATE SCORTA DI GLICOGENO PERCHÉ’ L’ULTIMA SALITA E’ LI AD ASPETTARVI 3KM PER RAGGIUNGERE IL PASSO DELLE PIZZELLE, SIAMO SUL VERSANTE NORD DEL CAMPO DEI FIORI.
  • Azione: C’è un ristoro, fermati a mangiare ed a recuperare, simulate lo sbrago ed il mangiare
  • Realtà: qui oramai ero già in crisi. Quando sono arrivato al ristoro, ho guardato l’altimetria sul pettorale ed ho chiesto “scusate, dove siamo?”. In quel momento ho capito che avrei dovuto trascinarmi al traguardo.. beh mancavano solo 16 km (16 km! sì, perché i chilometri che il G.P.S.segnava erano 67, non 65… traccia che, alla fine, risulterà leggermente abbondante)

 

  • Situazione: IN MENO DI UN KM SI RAGGIUNGE SEMPRE IN SALITA LA SCALA DEL CIELO (SIMBOLO DEL CFT 2017)
  • Azione: C’è una scala del cielo, dagli importanza, guarda in alto e simula la salita di una scala
  • Realtà: scusate, ma qui, oramai, vedevo solo la Madonna, niente scale, né cielo…

  • Situazione: SUCCESSIVAMENTE IL MONTE TRE CROCI. ULTIMI SFORZI SONO 6 KM PER RAGGIUNGERE IL FORTE DI ORINO CON IN MEZZO PERO’ L’ASCESA ALLA PUNTA DI MEZZO (PUNTO PIU’ ALTO DEL TRAIL CON 1250M)
  • Azione: Se sali alle croci almeno tre segni della croce non puoi non farli fare, ti ricordi come si fa?
  • Realtà: ecco diciamo che di segni della croce ne ho fatti una decina, nella speranza che l’Arcangelo Gabriele venisse in soccorso per alleggerirmi e portarmi al traguardo, poi ho pensato alla squalifica e allora ho solo ringraziato del meraviglioso tracciato che stavo percorrendo.

 

  • Situazione: ORA SOLO UNA LUNGA E TECNICA DISCESA NELLA PRIMA META’ VI RIPORTERA’ IN MENO DI 8KM PLANANDO ALL’ARRIVO.
  • Azione: Discesa tecnica, suvvia come si fa a scendere? Insegnaglielo 😉
  • Realtà: ecco, ancora un discesa tecnica. meno stressante delle prime e più corribile, ma che fatica…

 

  • Situazione: ARRIVO DALLE SPONDE DEL LAGO DI VARESE
  • Azione: Applauso della folla, tutti applaudite!!!
  • Realtà: APPLAUSO DELLA FOLLA E ANNUNCIO DELLO SPEAKER! CHE EMOZIONE!
    sono anche stato intervistato, ma non so cosa sia riuscito a dire, probabilmente ho ripetuto come un ebete quanto mi chiedeva lo speaker… vabbeh, magra figura.
    il seguito è stato solo una bella doccia calda, due massaggi da una carina, simpatica e preparata Osteopata e tanto recupero con cibo e birra!

nel Cuore e nella Mente tutto il ricordo di un tracciato durissimo rispetto alle aspettative, ma con una gioia infinita per aver visto panorami mozzafiato, per aver vissuto situazioni simpatiche in puro spirito trail, per aver corso in cresta con un aliante che mi volava a 100 metri e tanto altro…

C.F.T.: Che Fottutissimo Tracciato, ma tanto bello da lasciare un segno, non solo nelle Gambe, ma anche nel Cuore e nella Mente.

Maurizio S.

Natura, in viaggio per scoprirne Regole e Limiti

Natura, in viaggio per scoprirne Regole e Limiti, mi fa riflettere e mi ricorda un’affermazione che ho letto su un sito:

“Il viaggio, soprattutto in natura, è scoperta, novità, visione inaspettata. E’ anche l’imprevisto che ci costringe a condividere il tetto di un alpeggio con lo sherpa o la yurta con un pastore kirghiso. Sono i momenti di un‘esperienza vera e intensa a contatto con il mondo che ricompensano alla fine della fatica e del disagio. Perché “Into the wild” non è solo il titolo di un bellissimo film, ma è una vera e propria filosofia di vita”

Manuel Lugli

 

Into The Wild, come nel film, ma nella realtà!

Ultimamente ho avuto la possibilità di confrontarmi su un social network circa l’argomento “Natura”.

Ci sono state due occasioni che hanno risollevato questo tema: l’uccisione dell’orsa Kj2 in Trentino (puoi leggere quanto successo QUI), avvenuta il 14 agosto 2017, e il cinguettio di Kílian Jornet i Burgada (scialpinista e fondista di corsa in montagna spagnolo, specializzato nell’ultratrail) sull’obbligo di materiale specifico per salire sulle vette.

Quanto successo nelle ultime settimane mi fa pensare a cosa si può osservare a monte degli eventi tragici che si possono sentire e vedere ormai ovunque (e qui si potrebbe aprire un altro capitolo). Paura e consapevolezza, a mio avviso non sono passati di moda, ma è la necessità che “tutti possano permettersi tutto” a farla da padrone.

Alcuni alpinisti o trailrunner hanno espresso la propria opinione rispondendo ad un Mio Post, l’hanno condivisa serenamente, pertanto ho potuto estrapolare questo pensiero:

“Credo che alla fine di tutto ciò si possa dire che la gente dovrebbe prendere più consapevolezza di quello che fa e, siccome non tutti sono in grado, le regole (forse) possono aiutare, anche se questo può sembrare un ulteriore strumento per rinchiudere le persone. Di certo il gesto di K.J.B., sicuramente una provocazione forte, può, da un lato, ricordare che È NECESSARIO SAPER USARE I MATERIALI IN DOTAZIONE, ma soprattutto sapere andare in montagna, dall’altro potrebbe risultare un’icona infelice da emulare.

Credo che le provocazioni siano proprio questo. Credo che stia a Noi scegliere cosa fare e, forse, farlo anche grazie a questa discussione che magari potrebbe essere fatta leggere a chi in montagna ci va una volta l’anno (come qualcuno ha citato)”

Mi piacerebbe mettere l’accento sulle prime tre righe, e ancor più sul pezzo in cui ritengo che le persone assumano la consapevolezza di ciò che fanno.

Nel post, come anche nelle righe sopra, ponevo il problema di non accettare più i limiti, di potersi permettere tutto, a tutti i costi. E, purtroppo, a volte il costo più caro è la propria vita.

Ma che differenza c’è tra la morte in parete di un alpinista esperto e quella in un crepaccio di un turista in espadrillas?

Beh, Sorella Morte, non vede nessuna differenza. Noi possiamo proprio osservare che la differenza sta nella consapevolezza.

Il primo è consapevole che può succedergli qualcosa, forse ha anche paura, ma fa di tutto per riuscire in ciò che si è prefissato di fare.

Il secondo, è in balia degli eventi. Non vede ad un palmo di naso e, probabilmente vuole annoverarsi il titolo di essere stato in quel luogo e basta.

Trasmettere questa consapevolezza a chi viene dopo di noi o viene con noi è fondamentale.

Purtroppo il concetto di ‘limite’ è un po’ dismesso dalla società di oggi, ma è fondamentale sia nell’educazione dei nostri figli che di tutti i fruitori di madre terra.

Mauro Corona e Reinhold Messner hanno espresso due pareri perfettamente contrari rispetto a quanto successo alla povera Kj2. Non credo sia importante decidere chi dei due abbia ragione o meno anche se non vi nascondo che io sto con Corona: ho corso diversi giorni in quelle zone, mettendo in atto una serie di accortezze per non trovarmi faccia a faccia con il plantigrado anche se, così facendo, sapevo che non avrei potuto ammirare nemmeno un capriolo, ma credo sia importante capire che effettivamente le zone antropizzate sono ormai troppe. Il problema dove sta? Forse proprio in quest’ultima affermazione.

Non ho di certo una soluzione, ma per certi versi mi vien da dire che, se metto in moto delle strategie per rispettare la natura, questa fa il suo corso e l’orsetto torna da solo, e non serve riportarcelo per poi abbatterlo.

MA, e c’è sempre un MA. Devo accettare cosa vuol dire rispettare la natura. L’orsetto non posso accarezzarlo. Punto. Quindi non sarà una scusa per attirare più turisti, perché altrimenti metto in moto un doppio gioco mortale, perché prima o poi o il bipede o il quadrupede compirà l’ultimo viaggio.

Rispettare la natura, vuole anche dire accettare come lei si gestisce e quali sono le conseguenze.

Giusto per comprenderne il significato, guardatevi questo video.

 

 

 

 

Due vicende lontane, forse, ma che ci ricordano e ci mettono dinnanzi ai nostri Limiti.

La natura ha le sue regole.

Ci impone dei limiti.

Noi siamo parte della natura. Non dobbiamo tornare cavernicoli, ma possiamo continuare a rispettarla e ad accettare i suoi paletti ed i nostri limiti.

 

Maurizio S.